Skip to content

Capitan Cupcake in (Air) Action!

18 marzo 2013

CAPITAN CUPCAKE
– Ti serve una tuta nuova, questo è certo.
– Una tuta nuova? E dove la vado a prendere una tuta nuova?
– Non puoi! È impossibile! Ho troppo da fare. Quindi chiedimelo ora, prima che cambi idea.
– Va bene: vuoi farmi, per favore, una tuta nuova?
– No, sei troppo insistente, tesoro. Però… Accetto. Sarà importante, d’effetto, eroica!
– Sì, qualcosa di classico come… Come Dynaguy! Oh, lui sì che aveva il look giusto: con il mantello e gli stivali..
– Niente mantello!
– Non toccherebbe a me decidere?
– Ti ricordi… Thunderhead? Alto, bell’uomo, creava tempeste, dolce coi bambini…
– No, scusa…
– 15 novembre 1958! Tutto bene, un’altra città salvata, quando il suo mantello si impigliò nella coda di un missile. Thunderhead non brillava certo per intelligenza… Stratogale! 23 aprile del ’57! Il mantello risucchiato nella turbina di un aereo.
– Edna, non è giusto fare di ogni erba un fascio…
– Meta Man! Nell’ascensore rapido. Dynaguy, impigliato al decollo. Splashdown, risucchiato in un vortice. Niente mantello!

♥ Edna Mode e Mr. Incredibile, da Gli Incredibili – Una “normale” famiglia di supereroi, di Brad Bird, Pixar, 2004 

Sul blog vorrei inaugurare una sezione dedicata agli spot, perché talvolta bastano 60, 30 o persino 15 secondi a commuovere, a divertire e persino a schifarsi (non so se vi ricordate quel prodotto contro il sanguinamento gengivale…un orrore). Capita un po’ lo stesso con il cibo: infili rapito in bocca un sublime pasticcino che pare una nuvola di zucchero.. per poi sputacchiare in giro disgustato dalla consistenza appiccicaticcia, che Flubber sembra uno sciroppo fluidificante in confronto. O ti soffermi ad osservare accigliato biscotti a cui non daresti neppure un centesimo e l’assaggio rivela che la consistenza è friabile e “che erano ripieni di un ricco, peccaminoso burro cremoso che si “scioglie” lentamente sulla lingua” (cit. “Chocolat”!).

Sicuramente in TV avrete visto la nuova pubblicità di Air Action Vigorsol: un Siberius della porta accanto di turchino vestito, tenta disperatamente di difendere i suoi concittadini dalla furia distruttiva di un gigantesco troll di fuoco che semina il panico tra le strade. Purtroppo però il suo alito congelante non funge a dovere e solo un misero fiatino- che manco una candelina su una torta sarebbe in grado di spegnere – gli esce dalle labbra. L’eroe si trova costretto a farsi un giro – un pò lunghetto –  tra le corsie del supermarket più vicino per procurarsi un’arma in grado di sconfiggere il suo acerrimo nemico. Di chiara ispirazione comics, con quella ironia tipica delle adv di Vigorsol, è un po’ un eroe fai da te, mix tra Kick-Ass (più gentleman), Capitan Mutanda di Dav Pilkey (non è vero ma fatemelo citare, LO AMO!) e il Medio Man De Luigi (decisamente più cool).

TORNANDO A CAPITAN MUTANDA… lo adoravo. Lo pubblica ancora Battello a Vapore (dal classico “Capitan Mutanda contro i Gabinetti Parlanti” a “Capitan Mutanda contro il Principe delle Caccole”), quindi per farvi due risate, sia voi che la vostra amata prole, fateci un pensiero (alternatelo a qualche romanzo di formazione o alla fine della serie potreste trovarli sghignazzanti e mai più in grado di leggere qualcosa che non abbia i famosi “flip-o-rama”). CERTO CHE PENSARE AD UN POST SUI SUPEREROI E FINIRE A CAPITAN MUTANDA VI DOVREBBE FAR RENDERE CONTO DEL MIO LIVELLO DI CULTURA SULL’ARGOMENTO! Scherzi a parte, i film classici li ho visti più o meno tutti: Superman, tutti i Batman (sia Burton che Nolan) tutti gli X-Men, tutti gli Spider Man, Kick-Ass, Iron Man, The Avengengers, Thor, Hulk, Percy Jackson gli Dei dell’Olimpo (classico de che?! Ahah. Solita roba adolescenziale che ogni tanto mi sparo). Mi manca Watchman (grave), ma soprattutto mi manca una cultura sul fumetto di genere, lacuna che mi piacerebbe molto colmare anche se non ho bene idea da dove partire. Accetto suggerimenti! 🙂 Nel frattempo, se decidete di diventare supereroi, accettate il consiglio di Edna… NIENTE MANTELLO!

La ricetta non poteva che essere dei Cupcake alla Menta. La copertura che vedete nella foto è la stessa delle Tortine Sibilline di Harry Potter, ma in questo caso la trovo, seppur d’effetto, un po’ troppo stucchevole, almeno per i miei gusti. Se non amate le preparazioni troppo dolci le alternative possono essere quelle di inserire nell’impasto delle gocce o delle scaglie di cioccolato fondente e sostituire la glassa meringata con una glassa al cioccolato, oppure con semplice zucchero a velo.

CAPITAN CUPCAKE

Ingredienti per 12 cupcake
Per la base alla menta
125 gr di Farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci
90 gr di zucchero
Una bustina di vanillina o mezza bacca di vaniglia
8 cucchiai di sciroppo di menta
125 gr di burro morbido
2 uova
2 cucchiai di latte
Un pizzico di sale
A piacere: scaglie di cioccolato fondente qb

Per la copertura
3 albumi
100 gr di zucchero
Colorante Verde
In alternativa: zucchero a velo, Glassa al Cioccolato, Nutella

Preriscaldate il forno a 200°. I cupcake sono facili: prendete tutti gli ingredienti liquidi compreso lo sciroppo, mixateli con le fruste elettriche e aggiungete gradualmente quelli secchi (abbiate l’accortezza di mixare e, possibilmente, setacciare farina e lievito). Se dovete aggiungere gocce o scaglie di cioccolato fatelo all’ultimo, mescolando delicatamente. Mettete infine l’impasto nei pirottini di carta o in una teglia apposta e fateli cuocere per 15 minuti. Sfornateli, lasciateli raffreddare e procedete con il “frosting”: se volete provare la glassatura “meringosa” della foto, disponete una pentola d’acqua sul fuoco e attendetene il bollore. In un contenitore resistente al calore mescolate i tre albumi con lo zucchero e posizionatelo nella pentola con l’acqua senza che tocchi il fondo. Riprendete le vostre utilissime fruste elettriche e montate il composto sul fuoco per 5 minuti, fino a quando non diventerà gonfio e soffice. Togliete dal fornello e montate per altri 4 minuti e alla fine unite qualche goccia di colorante (che non è necessario, sia chiaro, ma per alcuni potrebbe essere un’esigenza estetica). Trasferite il composto in una sacca da pasticcere con bocchetta larga e distribuitelo sui cupcake con movimento circolare. Consumatele abbastanza velocemente (entro un paio d’ore), perché la glassatura è molto delicata. In alternativa, come vi consigliavo, andate di cioccolato: l’abbinamento talmente slurpy che è impossibile sbagliare! 😉

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: